L’Antiquarium di via Donota: domus e sepolture della Tergeste romana

A Trieste, nell’Antiquarium di via Donota, è possibile visitare ciò che resta di una domus e di un sepolcreto di età romana.

I resti archeologici

La domus fu costruita alla fine del I secolo a.C. su due livelli: in quegli anni, infatti, tutto il pendio del colle di San Giusto fu soggetto a una sistemazione che comportò la costruzione di terrazzamenti; brevemente, prima venivano collocati muri con la funzione di sostenimento, poi si procedeva al riempimento con la terra degli spazi rimasti vuoti fra di essi.

All’interno della domus sono stati riconosciuti diversi ambienti, tra i quali un pozzo e una latrina, ritenuti particolarmente interessanti dagli archeologi per ricostruire le abitudini degli antichi triestini, grazie al ritrovamento al loro interno di scarti quotidiani.

Dopo che, alla fine del I secolo d.C., la domus era stata abbandonata, il livello più basso fu utilizzato come sepolcreto. Sono state riconosciute diverse fasi di utilizzo di questo luogo come necropoli pagana: nel II secolo fu una famiglia ricca a usufruirne; nel IV secolo invece fu impiegato per sepolture di vario tipo, tra le quali impressionano maggiormente le deposizioni in anfora di bambini. Per quanto riguarda queste ultime, si suppone che in quel periodo vi fu un’alta mortalità infantile provocata dalla denutrizione.

Informazioni sul sito archeologico

Il sito archeologico è visitabile al sabato mattina (10.00 – 12.00). È possibile prenotare visite al di fuori dell’orario indicato, contattando direttamente la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio.

Sito web: http://www.sabap.fvg.beniculturali.it/orari-aree-archeologiche

Al sabato mattina si può visitare un altro sito archeologico triestino, a pochi passi di distanza: Antiquarium di via del Seminario.


Il testo del presente articolo è stato estratto da: Pamela Tedesco, I siti archeologici di Trieste. Parte I, «Chartae Historiae» 1 (2016), pag. 8.

Bibliografia

P. Maggi – R. Merlatti – G. Petrucci (a cura di), Sotto Trieste: percorsi nella città tra storia e archeologia, Trieste 2009.

C. Morselli, Tergeste. Vecchi e nuovi dati per la forma urbis, in L. Brecciaroli Taborelli (a cura di), Forme e tempi dell’urbanizzazione nella Cisalpina (II secolo a.C. – I secolo d.C.): Atti delle Giornate di Studio (Torino 4-6 maggio 2006), Firenze 2007, pp. 189-195.

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *